Capelli, lacrime e zanzare, Namwali Serpell

«La fortuna rovesciava le vite come fa il temporale con le fronde di un albero».

È il 1904. Sul fiume Zambesi, a pochi passi dalle Cascate Vittoria, l’esistenza dell’esploratore Percy M. Clark si intreccia con quella di un albergatore italiano e di un cameriere. Da qui parte la narrazione e procede a perdifiato raccontando una serie di storie tutte collegate tra loro. Ci troviamo così catapultati nelle vicende di tre famiglie dello Zambia (una nera, una bianca e una mista) che, con i loro amori, problemi e dissapori, dipingono una realtà fatta di speranze e sogni infranti, in cui l’elemento fantastico fa da protagonista. Riuscite a immaginare una donna ricoperta interamente di capelli, un’altra che non riesce a smettere di piangere e delle zanzare che si trasformano in strumenti governativi? 

Capelli, lacrime e zanzare è questo: una saga familiare colorata e vivace, intrisa di magia e mistero, che prende per mano il lettore accompagnandolo in un mondo simile a quello reale, in cui però a governare le esistenze dei personaggi sono i sortilegi, gli scontri in famiglia, gli amori inconfessabili. L’atmosfera evocativa e lo stile preciso e colmo di collegamenti tra le storie rendono questo libro un esordio davvero promettente. 

Se cercate una saga familiare che copre diverse generazioni i cui destini si intrecciano tra loro ambientata in un’atmosfera diversa dal solito e accompagnata da una prosa brillante e calcolata, questo libro fa per voi. Non lasciatevi spaventare dalla mole: sin dalle prime pagine, la curiosità spinge a continuare a leggere e, quasi senza accorgersene, si arriva velocemente alla fine. 

Menzione speciale per la traduzione: nel romanzo si alternano tantissimi personaggi, principali e secondari, che hanno una loro voce e una caratterizzazione ben precisa. La traduttrice (Enrica Budetta) è riuscita a differenziarli grazie a una traduzione accurata e creativa dando ad ognuno il giusto spazio e la corretta rappresentazione. 

Traduzione di Enrica Budetta, Fazi editore

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...