Quella cosa intorno al collo, Chiamando Ngozi Adichie

«Fatichi a riconoscere la ragazza dagli occhi limpidi che eri».

Quella cosa intorno al collo è una raccolta di dodici storie attraverso cui Chimamanda Ngozi Adichie analizza in maniera lucida e consapevole gli aspetti più problematici della società nigeriana. Il risultato è il ritratto di una terra ferita, martoriata dagli scontri religiosi, dagli omicidi politici, dalla corruzione, dal maschilismo. Emigrare sembrerebbe quindi la scelta migliore per costruirsi una vita diversa, anche se non è facile accettare di dover abbandonare a tutti i costi gli affetti e la propria patria per provare a vivere come tutti gli altri. Eppure, non è così. Chi emigra, in particolare negli Stati Uniti, trova difficilmente il suo posto in quella realtà. Adattarsi è difficile, il rischio quindi è omologarsi credendo di integrarsi. Ma l’integrazione è una cosa ben diversa, significa mantenere le proprie differenze, non rinnegarle. Per essere accettati in America, i nigeriani sono disposti a perdere la loro identità, che però li perseguita nei ricordi, nei sapori che esistono solo al di là dell’oceano, nel loro nome che spesso ha un significato ben preciso e che viene storpiato dagli americani, dalla mancanza delle persone care. Le dodici storie di questa raccolta indagano in maniera profonda e toccante l’animo umano e portano il lettore a riflettere su quanto il luogo in cui nasciamo definisca la nostra identità ma anche le nostre possibilità di diventare ciò che vogliamo. 

Una ragazza che riesce a sfuggire a un’esplosione di odio religioso grazie a una sconosciuta, un professore universitario che rincontra un collega che credeva morto durante la guerra di indipendenza del Biafra, un ragazzo che diventa adulto dopo aver passato un periodo in prigione, una donna che scopre che il marito la tradisce, un’altra che perde il figlio perché il marito, giornalista politico impegnato, ha criticato apertamente il governo, una bambina che arriva a compiere un gesto terribile perché viene considerata inferiore rispetto al fratello solo perché è femmina. Queste sono alcune delle storie contenute in questa raccolta e che ci trasportano in Nigeria, in una realtà difficile e contraddittoria. Quella cosa intorno al collo, il racconto che dà il titolo al libro, Akunna ottiene la Green Card ma si renderà conto ben presto che gli Stati Uniti non sono quel paradiso fatto di villette a schiera che si vede nei film. 

La penna di Chimamanda Ngozi Adichie è schietta, forte e mai scontata. Indaga le profondità dell’animo umano soffermandosi su tutte le implicazioni che la realtà che ci circonda ha sul nostro destino. «Adichie scrive con un’economia e una precisione che rendono famigliare ciò che è insolito. Nelle sue mani l’arte della narrazione appare naturale come il canto di un uccello», scrive su di lei il «The Telegraph» e non potrei essere più d’accordo di così con questa definizione. Ogni suo romanzo è un pezzo di vita, autentico e brutale, eppure meraviglioso e sincero. 

Traduzione di Andrea Sirotti, Einaudi

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...