Jane Eyre, Charlotte Brontë

«Io non sono un uccello e non c’è rete che possa intrappolarmi; sono un essere umano dotato di libertà e di una volontà indipendente, di cui ora mi valgo per lasciarvi».

Jane Eyre è stato pubblicato nel 1847 con lo pseudonimo di Curer Bell, scelto per evitare i numerosi pregiudizi dell’epoca nei confronti della scrittura femminile. Questo è il primo libro di Charlotte Brontë dato alle stampe ma non è il primo che ha scritto. Nel 1846 infatti aveva terminato il manoscritto di The professor (Il professore) e anche le sorelle Emily e Agnes avevano già concluso rispettivamente Wuthering Heights (Cime tempestose) e Agnes Grey. Il romanzo di Charlotte Brontë ricevette subito il favore del pubblico che si innamorò del personaggio di Jane che, da piccola orfana destinata a vivere tra soprusi e infelicità nel tetro edificio di Gateshead, riesce a diventare una giovane istitutrice piena di determinazione e speranze. Dopo aver passato nove anni nel collegio di Lowood, prima come alunna poi come insegnante, Jane sente che è arrivato il momento di dare una svolta alla sua piatta esistenza, così mette un annuncio sul giornale per cercare un nuovo posto di lavoro. Dopo un viaggio interminabile, ecco che un giorno approda nella maestosa Thornfield Hall. Quella è la residenza di Mr. Rochester, un uomo che ha circa il doppio dei suoi anni, dal carattere burbero, non bellissimo ma con qualcosa di affascinante. Sarà l’incontro con Mr. Rochester a cambiare la vita di Jane e la sua visione del mondo. 

Uno dei tratti più apprezzati di questo romanzo è sicuramente la forza di Jane. Diversamente dai personaggi femminili dell’epoca, Jane è una donna determinata, autonoma economicamente, che si è fatta da sola e ha lottato tanto per diventare un’istitutrice. Lei infatti non vede il matrimonio come un modo per sistemarsi. Si aggrappa con tutta se stessa alla sua indipendenza e se dovesse decidere di sposare un uomo sarebbe solo per vero amore. Questa caratteristica è quella che forse è stata maggiormente apprezzata dal pubblico che ha visto in Jane una ventata di novità, soffermandosi in particolare sull’autodeterminazione di se e della propria posizione lavorativa/economica. Ne sono stati tratti diversi film, insieme a rifacimenti e riscritture, fra cui il romanzo della scrittrice dominicana Jean Rhys Il grande mare dei Sargassi. Jane è un’eroina: lotta per se stessa e per chi le sta a cuore. È bruttina, pallida, magrolina, eppure è dotata di un’insolita forza e capacità di analisi della sua vita interiore e di quella degli altri personaggi. Ma anche Mr. Rochester non è il classico principe azzurro. Anche lui infatti non è per nulla attraente, ha un passato oscuro da colonialista, è un manipolatore e si lascia spesso andare ad atteggiamenti meschini. Charlotte Brontë ci racconta l’amore da un nuovo punto di vista. Non più il colpo di fulmine dettato soprattutto dalla bellezza fisica, ma un affetto che nasce dal conoscersi e comprendersi al di là delle apparenze, accettando i difetti dell’altro.

Anche i modi narrativi scelti dall’autrice hanno sicuramente influito sul successo indiscusso del romanzo. In Jane Eyreinfatti si mischiano elementi del romanzo di formazione, in combinazione e anche in contrapposizione con i tratti del racconto fiabesco e amoroso, che a sua volta si intrecciano con il romanzo gotico. Il contrasto tra bene e male è determinante nella definizione del romanzo, così come anche la presenza della natura, a tratti clemente o minacciosa e distruttrice. 

In questo romanzo Charlotte Brontë, forse per la prima volta nel panorama letterario, conferisce una voce a un personaggio femminile forte, determinato, guidato da una passione indomita, che vuole affermarsi a tutti i costi. 

Traduzione di Stella Sacchini, Feltrinelli

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...